Giseno - Monte
Home Su Pianello Madona de l'Ugeni Schirela Giseno Giseno - Monte Monte La strada de Maloo Oltre monte

 

Varie

Da Giseno a Monte

Ultime gocce di sudore !

Pur essendo non molto lungo, questo pezzo di strada Ŕ forse il pi¨ ostico in quanto la fatica della precedente arrampicata incomincia a farsi sentire, soprattutto se hai sulle spalle uno zaino contenente qualcosa (quattro panini, la minerale o due bibite, la maglietta di ricambio )

Passato il praticello di Giseno dove puoi riposarti qualche minuto seduto sul muretto di riparo (se sei sudato per˛ stai attento al "muntif" !)

 

dopo circa duecento metri trovi una casa isolata (1) - Ŕ quella del Luis Tagliaa) dove specialmente d'estate puoi trovare qualcuno. Fatto un altro centinaio di metri, ti trovi ai piedi di una larga scalinata dritta e molto ripida (la scalota de Quena)

dopo tre giorni di pioggia .... sulla "scalotta" 

 

 

 all'inizio della quale ci sono due case semi abbandonate e due cascinali caduti in rovina (2). In cima incomincia un pezzo di strada abbastanza pianeggiante (si fa per dire !). Sulla destra ci sono sei casupole in rovina mentre poco pi¨ avanti una grossa casa ex proprietÓ Saronio (l'ingegnere ucciso dalle Brigate Rosse parecchi anni fa), ed ora di proprietÓ Turati (3). Fatti altri pochi passi sulla sinistra trovi ci˛ che fu il podere dell'ultimo allevatore di Carate (Taroni Giorgio), con dietro due piccole case (4). Al termine del pianoro sulla curva a gomito (localitÓ "Cupascioo") una ridente casetta appena ristrutturata e leggermente isolata dalle altre quasi cinquanta case che compongono la localitÓ Monte.(5)